Masseria Frattasi
viticoltori eroici
di montagna
in Montesarchio

Ai piedi del Magnum Taburnum cantato da Virgilio nell’Eneide e nelle Georgiche. La Masseria Frattasi è un edificio del Settecento, perfettamente conservato dai proprietari, la famiglia Clemente titolare dell’azienda.

 

RADICI STORIA E TRADIZIONE
Storia

Taburno deriva da Taurn, che in dialetto minoico significava montagna solcata da forre e canyon. Le popolazioni di Creta portarono la vite nella prima colonizzazione greca in queste terre, tremila anni fa. La famiglia Clemente ha dato inizio al rinascimento viticolo della zona.
Ha fatto conoscere la falanghina, il vitigno a bacca bianca più antico d’Europa, in tutti mercati del mondo, dal Giappone alla Svezia, da Phoenix a Tokyo, da San Diego al Cairo.

TRA PASSATO PRESENTE E FUTURO
Opere

Le etichette dei vini hanno una ceramica sulla parte frontale. Sono opera di Giustiniani, il più famoso ceramista del Settecento, col classico giallo, verde e azzurro della tradizione napoletana.
Giustiniani aveva una bottega a pochi chilometri dalla masseria, decorò la cappella palaziale del Seicento.
Quando il terremoto distrusse la cappella abbiamo recuperato le riggiole, le mattonelle raffigurate sulle etichette e le abbiamo fatte rivivere non più sotto i piedi dei fedeli, ma davanti al loro palato.

NOTIZIE

“Dal 1779 diamo entusiasmo, lavoro
e attenzione ai particolari”

News
Cart
  • No products in the cart.
Torna su